Come Riconoscere il Centogambe

In questa guida vedremo come riconoscere il Centogambe. Alcune specie, esclusivamente notturne o che abitano nei luoghi bui, ne sono prive. La bocca, analogamente a quella degli Insetti, porta tre paia di appendici: un paio di mandibole, laminari, con il margine tagliente o dentellato.

Le mascelle prime, formate da due pezzi basali, sui quali si articolano due segmenti; le mascelle seconde, fuse insieme a forma di labbro inferiore, sul quale si articolano una coppia di palpi. La differenza maggiore con l’apparato boccale degli Insetti, sta nel minore sviluppo delle mascelle dei Chilopodi.

Gli arti del primo segmento del tronco, costituiti da quattro articoli ciascuno, sono rivolti in avanti e sono provvisti di una ghiandola velenosa, il cui condotto sbocca all’estremità dell’arto stesso, terminante con un unghia. Visto che assomigliano alle zampe, ma servono per afferrare e paralizzare la presa, vengono detti piede-mascelle.

Il veleno inoculato attraverso l’unghia nel corpo della vittima, può paralizzare o addirittura eliminare altri Artropodi e piccoli vertebrati; solo quello di alcuni centopiedi tropicali è pericoloso per l’uomo. Gli arti degli altri segmenti sono simili tra loro, formati anch’essi da diversi articoli e terminanti con un’unghia.

Copyright Upperpad 2020
Shale theme by Siteturner