Come Decorare Anfora di Terracotta

Tante volte ci capita di avere in casa degli oggetti datati che non utilizziamo perché troppo “anonimi”. Magari li conserviamo in qualche mobile o in uno scantinato. A volte li buttiamo perché ingombranti e inutili. Io ho pensato di recuperare un’anforetta che avevo comprato tempo fa, semplicemente colorandola con acrilici e valorizzandola con un classico lucidante per ceramica.

Iniziamo pulendo con un panno umido l’oggetto che dobbiamo trattare. Facciamo asciugare e iniziamo a lavorarci sopra. E’ bene ricordare che se la terracotta è molto rovinata (porosa, sbeccata, ecc.) bisogna passare un po’ di cementite o semplicemente della pasta sintetica che asciuga all’aria per pareggiare le imperfezioni.

Stabilisci il disegno che vuoi fare e inizia. Io ho scelto di dare due colori opposti: bianco e verde con elementi gialli e decorazioni verdi sullo sfondo bianco. Per dividere l’anfora in settori circolari puoi aiutarti con del nastro carta coprendo la parte superiore e inferiore che non vuoi dipingere, in modo che resti scoperta solo la parte centreale. Passa una mano di acrilico bianco e, se necessario, una seconda per coprire completamente lo sfondo. Lascia asciugare per circa 15 minuti.

Togli il nastro carta e inizia a dipingere col verde la parte superiore e inferiore. Intanto che asciugano, puoi decorare lo sfondo bianco precedentemente realizzato utilizzando un pennello a punta fine e creando un disegno stilizzato che riempia un po’ gli spazi. Fatto questo decora con la punta di una matita lo spazio verde, creando dei cerchietti. Lascia asciugare e lucida il tutto. La tua anforetta è pronta per contenere acqua che resterà sempre fresca

Come Realizzare una Zanzariera Mobile

Nel caso in cui una zanzariera si rompa, e non sia possibile ripararla seguendo questa guida su Riparare.net, è possibile costruirne una con il fai da te.
Se volete realizzare una zanzariera su misura per una finestra dalle misure particolari, ecco come procedere per costruire una zanzariera su misura e pronta per essere posizionata o tolta in base alle vostre esigenze. Leggete la guida di seguito per sapere come procedere per la realizzazione.

Per prima cosa, procuratevi delle asticine di legno rettangolari che vi serviranno per preparare il telaio. Lo spessore e la lunghezza delle asticine, dipenderà esclusivamente dalla grandezza della finestra.

Ovviamente non dovranno essere troppo sottili. La grandezza minima dell’asta di legno dovrà essere 2×3 cm con lunghezza variabile. Dopo avere preso le misure del prospetto esterno in cui è stata incassata la finestra, realizzate il telaio.

Dovrete rispettare quasi le stesse misure con soli due o tre millimetri in meno per lato (in modo da poterla inserire ad incastro nello spazio della finestra). Dopo avere realizzato il telaio, procedete nel modo seguente.

Prendete la zanzariera a metraggio. La misura dovrà corrispondere alla misura del telaio più tre centimetri abbondanti che vi serviranno per piegarli sul bordo. Una volta piegati i bordi della zanzariera, fermateli con la spara punti.

Ogni puntina dovrà essere sparata a una distanza non superiore a tre centimetri l’una dall’altra. A questo punto la vostra zanzariera è pronta per essere inserita e tolta quando non è necessaria in modo da tenerla sempre nuova.

Come Decorare una Specchiera con la Resina

Una vecchia specchiera a tre “luci” ormai fuori moda può essere rinnovata e trasformata in un oggetto nuovo ed assolutamente unico utilizzando foglie pressate e resina bicomponente. Risulta essere una tecnica molto semplice che ti consente di rinnovare e cambiare completamente aspetto ai tuoi vecchi complementi di arredo. In questa guida ti spiego come fare.

Occorrente
Vecchia specchiera a tre luci
Foglie e fiori pressate
Resina bicomponente
Colla vinilica
Carta vetrata fine
Turapori all’acqua
Acrilici all’acqua verde e bianco
Pennello
Ciotola
Bastoncino di legno

Per prima cosa elimina i due specchi laterali della specchiera poi carteggia leggermente le parti in legno, spolverale e stendi una mano di fondo turapori. Sui pannelli di legno che sostenevano gli specchi laterali della specchiera stendi un ulteriore fondo di acrilico verde schiarito con il bianco. Lascia asciugare bene. Disponi le foglie ed i fiori pressati nello spazio dove stavano gli specchi rimossi creando una composizione armonica, fissali con un velo di colla vinilica e fai asciugare bene prima di versare la resina.

In una ciotola mescola i componenti A e B della resina in parti uguali; il mercato offre una grande varietà di resine, questa che usi si miscela in percentuale 1:1 ed è più comoda e sicura, basta che rispetti scrupolosamente le istruzioni del produttore ed i tempi di asciugatura. Mescola piano e a lungo il composto con un bastoncino di legno. Versa piano la resina fino a riempire lo spazio a disposizione.

Per una buona riuscita di questa realizzazione è importante che tu lavori tenendo la specchiera sempre in posizione orizzontale fino a quando la resina non sarà perfettamente asciutta. Proteggi la colata dalla polvere durante le prime ore di asciugatura ed evita di appoggiarvi sopra degli oggetti per un paio di giorni in modo che la resina possa completare la cristallizzazione ed indurire perfettamente.

Come Decorare la Spalliera di un Lettino

Ho trovato una vecchia e malandata testata di legno e l’ho recuperata con colori caldi e rilassanti, oro decorativo e l’immancabile decoupage. Il risultato? Beh, ve ne renderete conto quando l’avrete finita. La mia bellissima, come nuova, non solo ma anche personalizzata.

Occorrente
Spalliera vecchia in legno
Carta per decoupage
Colore bianco a base d’acqua
Vernice trasparente a base d’acqua
Vernice a base d’acqua
Colla per decoupage
Colori acrilici bianco, blu, lampone, oro
Forbici
Nastro adesivo di carta
Carta abrasiva a grana media
Pennelli vari
Spugna
Tampone di spugna
Rullo di spugna
Rullo di gomma
Panno di carta
Vaschette

Prima di iniziare a decorare, ripulire la spalliera di legno con una carta abrasiva a grana media, carteggiare tutta la struttura della spalliera. Ripulire dal residuo con un panno pulito. Dalla carta ritagliare le parti occorrenti per il decoro. Quindi, usando un pennello piatto e largo, colorare con il colore bianco a base d’acqua la parte grigia del pannello. Lasciare asciugare e ripassare il colore per la seconda volta. Si può usare anche un rullo di spugna per ottenere una copertura omogenea.

Posizionare i ritagli sul panello e con una matita segnare delicatamente i punti delle estremità. Con l nastro adesivo di carta proteggere la parte della cornice interna. Prestare attenzione e procedere in maniera accurata. Usando il colore blu e il rullo di spugna colorare il lato destro della base, creando il cielo notte. Lasciare asciugare. Miscelare in una vaschetta il colore acrilico lampone con un poco di colore bianco, una punta del blu e colorare il lato sinistro.

Intingere la spugnetta leggermente inumidita nel colore acrilico bianco e tamponare in modo irregolare a base colorata e lasciare asciugare. Intingere di nuovo la spugnetta nel colore blu usato in precedenza, togliere l’eccesso su un panno di carta e delicatamente tamponare qua e là in modo non regolare, così da creare delicate sfumature. Lasciare asciugare. Con il colore bianco tamponate, allo stesso modo, il lato destro con la base blu. Lasciate asciugare e proseguite a tamponare con il colore violetto.

Togliete il nastro protettivo dalla base. Usando un pennello piccolo colorate la parte interna della cornice con il colore acrilico oro. Se occorre ripassare il colore per la seconda volta per ottenere un aspetto coprente. Colorate anche la parte esterna della cornice con il colore blu usando una spugnetta, lasciate asciugare e ripassate con il colore violetto. Sulla base colorata e ben asciutta stendete una mano di vernice opaca, per isolare il colore. Con il colore ore, colorare e dare risalto anche agli anelli tra le sfere della spalliera.

Prima di iniziare a incollare, provare la composizione che più vi piace. Con una spugna inumidita bagnare la carta e stendere la colla sul rovescio poi, posizionarla nel punto scelto. Tamponare per una buona adesione evitando le bolle d’aria. Togliete il residuo di colla. Per la superficie grande del decoro si può utilizzare un rullo di gomma per lasciare aderire bene la carta. Con un pennellino piccolo e colore bianco, decorare il cielo con le stelle. Rifinire infine il decoro con la vernice all’acqua stendendola più volte.Lasciare sempre asciugare bene.

Come Costruire un Mobile per Appendere Abiti Bagnati

In questa guida vi spiego come fare per costruire un pannello rivestito di laminato plastico, che andrete a sistemare vicino all’ingresso o dove riuscite a ricavare un pochino di spazio. Esso porta una serie di tondelli sporgenti e un mezzo tubo nella parte inferiore, in modo da raccogliere l’ acqua dei vestiti bagnati.

Occorrente
Pannello di legno
Laminato plastico, tubo di alluminio
Colla, chiodi e martello
Vernice

Comincia a preparare un pannello di truciolato che misuri m 1,2 x 1,8. Rivestilo poi con una lastra laminata che abbia le sue stesse misure. Taglia i bordi della lastra tenendo un’ inclinazione verticale. Questo pezzo sarà lo stendino da applicare alla parete nel quale puoi poi appendere i vestiti bagnati. Se lo ritieni necessario, applica un secondo pannello di rinforzo dietro a quello principale.

Ora devi preparare le parti laterali. Taglia quindi due rettangoli con il lato lungo di 1,2 m e corto di circa 30 cm, sempre nel truciolato. Procedi poi a fissarli lungo i lati del pannello principale, usando dei chiodi lunghi e colla specifica per legno, in modo che vi poggino bene. Il pannello invece dovrà rimanere discosto di circa 1 cm. Applica dei pesi sulle giunture in modo che la colla faccia presa.

A questo punto prendi il tubo di alluminio e taglialo a metà longitudinalmente. Avvitalo poi alle parti laterali costruite precedentemente e sigilla le giunture con del mastice siliconico fra il tubo e il pannello. Infila quindi i tondelli di legno che ti serviranno per fare gli appendini entro dei fpri obliqui praticati con il trapano. Fissa infine alla parete il mobile per m

Copyright Upperpad 2019
Shale theme by Siteturner