Bolletta Sospetta – Cosa Fare

Accade sempre più spesso di ricevere una bolletta telefonica con conteggi del traffico sospetti e addebiti a nostro carico per chiamate o connessioni Internet non effettuate dai membri del nucleo famigliare. Attenzione: potrebbe trattarsi di una truffa, attribuibile probabilmente al traffico Internet. Vediamo come agire in questo caso.

La prima cosa da fare è verificare con certezza se gli addebiti non siano relativi all’attività di qualche membro del nucleo famigliare. Questo passaggio è fondamentale perché, se così fosse, oltre a farvi perdere tempo, prima o poi l’operatore scoprirà la verità. Quindi è meglio non mentire dato che il traffico è registrato e documentabile.

Fatto ciò procedi contattando il tuo operatore telefonico, bolletta alla mano, e segnalando tutti gli addebiti che ritieni non siano stati da te effettuati. Per esempio, nel caso di Telecom è possibile seguire questa guida su Numeriassistenza.com. Specifica che non pagherai il traffico che non ritieni di tua competenza e che provvederai a saldare solo l’importo relativo alle tue chiamate o connessioni Internet effettive.

Se l’operatore rifiutasse di collaborare, non pagare la bolletta ma ricorri al Co.Re.Com di competenza per la tua regione, che è possibile individuare sul sito Agom. Provvedi all’invio repentino di tutta la documentazione necessaria ed attendi la tua convocazione, per la quale potresti dover aspettare alcuni mesi. Per qualsiasi informazione aggiuntiva visita il sito del Co.Re.Com competente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright Upperpad 2017
Shale theme by Siteturner