Come Capire Linguaggio del Corpo

Chi di voi dice: un gesto vale più di mille parole? Ragazzi, sono felice di annunciarvi; Avete capito tutto. In questa piccola guida, cercheremo di interpretare il linguaggio del corpo, quello involontario… Ragione per cui sarà certamente sincero. Chiamata anche comunicazione non verbale.

Per cominciare, da oggi in poi, guarderemo il corpo non più nelle sue splendide forme ma come involucro, trasparente, per intravedere nell’animo umano le esigenze, i bisogni e le sensazioni. Possiamo usare questa guida per interpretare quel linguaggio che non è vocale. La posizione delle mani è determinante: Palmi volti verso il basso, non desteranno mai buone sensazioni nell’interlocutore, al contrario, volti verso l’alto, procureranno sensazione di disponibilità. Attenzione perchè, in una situazione in cui i due interlocutori si trovano l’uno di fronte all’altro, volgere il palmo della mano in parallelo alla figura del partner potrà portare alla mente il pensiero “alt, fermo, attenzione”.

Mai, conversare, con braccia conserte davanti il busto o addirittura con braccia chiuse dietro la schiena. Questo, indica chiusura e non disponibilità ad ascoltare l’altro, poichè generalmente, questa posizione viene assunta per camminare oppure per stare solo ad osservare o anche solo a riflettere. Tenere invece le braccia aperte indica segno di disponibilità a relazionarsi e di apertura alle idee altrui. In una situazione in cui, invece, siete seduti, ad esempio in aula, ad un congresso e così via.. poggiare la testa sul palmo della mano indica scarsa attenzione, poggiare invece, il dito indice a lato del volto indica interesse.

Con lo sguardo anche, si può parlare, aggredire e intrigare qualcuno. Al di là dei fattori naturali quali, la luce oppure l’uso di gocce oculari. Diversi studi dimostrano come la pupilla si dilati e si restringa a seconda dell’immagine davanti a sè. Generalmente, davanti ad un’ immagine piacevole, gioiosa oppure in uno stato di eccitazione, le pupille tendono a dilatarsi, al contrario.. in situazioni sgradevoli o di rabbia trattenuta, le pupille si restringono.. (da cui la dicitura: occhi a punta di spillo).

Se si osserva la direzione degli occhi durante una conversazione si può intuire: Se gli occhi guardano verso l’alto a destra o a sinistra si sta prediligendo un canale visivo, uguale riscontro avremo se troviam innanzi a noi degli occhi direzionati al centro o fissi. Se invece, siamo nella situazione in cui gli occhi guardano a lato, destra o sinistra che sia, prediligeremo il canale uditivo.

Ultimo passo importantissimo: Quando si parla ad una riunione in cui si è la principale fonte di informazioni distogliendo lo sguardo si fa intendere che la nostra pausa nel discorso costituisce un solo momento di riflessione e da lì si riprenderà il discorso. Un conferenziere, che ha bisogno di tenere alto il grado di interesse e quindi di ascolto del pubblico parlerà preoccupandosi di avere uno sguardo brillante in modo da fare intendere agli interlocutori: “credo fortemente in quello che sto dicendo” Si consiglia di scegliere due o tre persone e di fissare lo sguardo su di esse, altrimenti, si corre il rischio di parlare ad un pubblico generico con sguardo generico e non suscitare l’interesse richiesto, non contando che si darà la sensazione di insicurezza e finzione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright Upperpad 2018
Shale theme by Siteturner